© 2023 by Nature Org. Proudly created with Wix.com

Dettagli sulla misura della conducibilità

 

 

Conduttimetro continuo con la sua rete protettiva

 

La rete protettiva è necessaria per evitare che oggetti come buste di plastica, rami, alghe, trasportati dalla corrente, vadano a disturbare gli elettrodi. La rete è di normale plastica ed ha una forma a cono. Il cavo di antenna esce dalla parte posteriore. La parte anteriore è rivolta verso la corrente. La rete può essere costruita unendo i lati di un pezzo piano tagliato come lo sviluppo di un tronco di cono. L'unione può essere fatta con filo di ottone ricoperto di colla a caldo.

Un sensore per usi vari

 

Questo sensore di conducibilità è stato costruito per usi vari, ad esempio la misura all'interno di una soluzione nutritiva per colture idroponiche. E' fatto da un supporto in metacrilato dove trovano alloggiamento due bulloncini di acciaio inox, la resistenza del partitore e i collegamento ai tre fili. I tre fili possono essere collegati a tre pin di una scheda Arduino, due digitali e uno analogico. Il supporto in metacrilato è stato tagliato ed inciso con una LaserCut. Dopo aver sistemato i bulloni, la resistenza e collegato i fili, una faccia del supporto, quella delle teste dei bulloni, viene ricoperta da silicone. In questo modo il sensore può essere immerso completamente nel liquido. La forma standard del supporto e l'uso di bulloni uguali consente di creare sensori con risposta molto simile tra loro.

Calibrazione del sensore

 

E' necessaria per ricavare la conducibilità specifica in uS/cm (microSiemens per cm) da una misura di resistena tra i due elettrodi. Infatti la resistenza tra gli elettrodi, dipende non solo dal contenuto di ioni nella soluzione, ma anche dalla loro superficie e distanza. La conducibilità specifica invece è riferita ad una misura con due elettrodi di un cm2 posti a un cm di distanza, a 20°C di temperatura. Ogni punto nel grafico rappresenta il valore in uS/cm stampato sulle etichette di diverse acque minerali naturali e la resistenza misurata immergendo il sensore in quell'acqua. Interpolando i punti con una curva di potenza, si ottiene un'equazione empirica che mi restituisce un valore di conducibilità specifica per ogni valore di resistenza misurato. Si può notare come due sensori costruiti come spiegato sopra, rispondono in modo simile.